Conto corrente cointestato – La NASPI accreditata al cointestatario non debitore utilizzata dal creditore per compensare il debito dell’altro cointestatario


Compensazione, conto corrente cointestato, indennità di disoccupazione





Sono titolare di un conto corrente cointestato con mio marito, sono stata licenziata e percepisco la NASPI con l’accredito delle somme previste sul relativo conto corrente. Gli unici accrediti sul conto corrente sono quelli relativi alla mia NASPI ricevuti dall’INPS.

Poiché mio marito è garante e fideiussore di una società debitrice con la stessa Banca, per compensare le somme la banca ha prelevato tutto il saldo dal conto corrente (la mia NASPI degli ultimi due mesi) e continua a prelevare gli accrediti che arrivano a mio nome dall’INPS.

Io non ho prestato nessuna fideiussione o garanzia alla società di mio marito. La banca può prelevare le somme a me destinate dall’INPS per il sostentamento della famiglia? Può configurarsi un indebito prelevamento.

Bisognerebbe prendere visione del contratto di fideiussione: può darsi che suo marito abbia autorizzato la banca creditrice a compensare l’esposizione debitoria, derivante dalla fideiussione prestata, con prelievi dal conto corrente (cointestato).

Peraltro, si può risolvere la questione semplicemente aprendo un rapporto di conto corrente esclusivamente intestato a lei, con il medesimo istituto bancario o con altri, e comunicando all’INPS le nuove coordinate bancarie per l’accredito dell’indennità di disoccupazione.

16 Giugno 2019 · Simonetta Folliero


Se il post ti è sembrato interessante, condividilo con il tuo account Facebook

condividi su FB

    

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it




Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!




Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Debiti e recupero crediti » Conto corrente cointestato – La NASPI accreditata al cointestatario non debitore utilizzata dal creditore per compensare il debito dell’altro cointestatario. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.